browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

Soragna

Posted by on 24 luglio 2012

Storia

Le origini di Soragna risalgono all’epoca longobarda: nel 712 è citata per la prima volta in un documento del re Liutprando.

Dal 1198 fu in possesso della famiglia Lupi, mentre la vicina Castellina fu in possesso della famiglia dei Pallavicino. Feudo imperiale, nel 1347 divenne marchesato (titolo conferito dall’imperatore Carlo IV) e dal 1709 fu principato, con il diritto di battere moneta (titolo conferito dall’imperatore Giuseppe I).

Il 18 marzo 1945 Soragna fu teatro di quello che viene ricordato come l’Eccidio di Soragna, ovvero della rappresaglia disposta dal Comando Provinciale di Parma delle Brigate Nere e la relativa fucilazione di cinque partigiani delle Squadre di Azione Patriottica, come ritorsione per l’uccisione di un loro militare ed il ferimento di altri tre. L’esecuzione venne effettuata nel viale Verdi, antistante il muro di cinta della Rocca dei principi Meli-Lupi, dove oggi vi è un monumento a ricordo.

Rocca

Nel 1385 il duca di Milano Gian Galeazzo Visconti concesse ai marchesi Lupi di costruire l’attuale Rocca, in seguito trasformata, alla fine del XVII secolo, in residenza signorile.

L’edificio ha pianta quadrata ed originariamente era completamente circondato da un fossato, di cui adesso rimane solo una parte sul lato meridionale e quello orientale; aveva inoltre quattro torri angolari quadrate ed una al centro della facciata di cui si rilevano ancora le forme.

Appartengono alle trasformazioni successive le decorazioni interne la “sala delle grottesche”, con affreschi di Cesare Baglione (1580), la “sala del bocchirale”, la “sala rossa” con ritratti di Giampaolo IV Meli Lupi e sua moglie Ottavia Rossi di San Secondo, la “sala degli stucchi” affrescata dai Bibiena, ed infine la “galleria dei poeti”, con la raffigurazione di dodici tra i maggiori poeti, che si affaccia sul laghetto del parco sottostante.

Al piano superiore si trovano la “sala del Trono”, con pareti decorate da velluti e broccati, stucchi e intagli dorati. La cappella di famiglia custodisce le tombe di Ugolotto Lupi (1351) e di Francesco Meli Lupi (1669) con l’iscrizione funeraria: Quivi giace a marcir entro l’avello nudo, senza vigor, vile, fetente un lupo per venir celeste agnello.

Il parco fu trasformato in giardino “all’inglese” verso il 1820.

Cosa visitare a Soragna:

  • Rocca di Soragna: http://www.roccadisoragna.it
  • Museo del Parmigiano Reggiano: http://www.museidelcibo.it/
  • Museo della civiltà contadina: http://www.museidelcibo.it/
  • Museo ebraico: http://www.museoebraicosoragna.net/

 

 

Comments are closed.